Rocco Scotellaro mostrò appena ventenne un interesse per il cinema, che lasciò del tutto indifferente Rocco Mazzarone: «L’incontrai poi nella primavera del 1943 a Potenza. Era reduce da un convegno letterario, in cui era stato notato per l’acume dell’intelligenza oltre che per la serietà della preparazione. Gli chiesi quali fossero i suoi reali interessi. Mi […]

Continue Reading

La cantina è un locale completamente interrato destinato alla corretta conservazione principalmente in botti prima del consumo o della vendita del vino e di altri cibi o bevande. Il vino, essendo una sostanza delicata e in continua evoluzione va conservato in un luogo protetto ma aerato, scuro, umido, fresco, al riparo da vibrazioni, esente da […]

Continue Reading

Il locale di via Santa Teresa di Tricarico è stato definito taverna dal FAI, oppure il FAI l’ha fatto conoscere. Mi dispiace per il FAI e mi scuso umilmente con Sabrina Lauria: il termine taverna non solo non mi piace, ma lo ritengo anche sbagliato se con esso s’intende l’antico, medievale locale; a taverna preferirei […]

Continue Reading

A via Santa Teresa di Tricarico c’è una taverna ricavata in un locale ipogeo segnalata dal FAI per la curiosa iscrizione sul portale.

Decine e decine di anni fa (frequentavamo a Potenza il quarto ginnasio) l’iscrizione mise in difficoltà me e Benito Lauria per il motivo che dirò più avanti; e tuttora è rimasta enigmatica. […]

Continue Reading

Non avrò visto solo io la scena del bellissimo, elegantissimo, ricchissimo pianista di colore che compie una tournée accolto con tutti gli onori e i riguardi. Dopo una esibizione, deve fare pipì e si reca al bagno, un cameriere lo raggiunge e rispettosamente (sì: rispettosamente) gli dice che lui la pipì deve farla in una […]

Continue Reading

Mi sono “intrufolato” sul sito di Andrea Di Consoli in una conversazione di Maria Antonietta Mattei sullo smantellamento dei controlli amministrativi. Non una, ben due volte. La seconda volta per aggiungere alla mia esperienza in tema di controlli quella di difensore civico regionale, ma la vera ragione fu il ricordo di una telefonata con Rocco […]

Continue Reading

Riporto un pezzo della medicalizzazione della vita, uno dei 36 saggi del libro Cruciverba di Leonardo Sciascia, riproposte in una edizione di fabulae, dove la medicalizzazione della vita si stende su dieci pagine favolose.
« Negli anni della mia infanzia, nel paese di contadini e zolfatari in cui vivevo, il «chiamare il medico» era in corrispondenza […]

Continue Reading

Sulla rivista letteraria «Botteghe Oscure» furono pubblicate molte poesie e prose di Rocco Scotellaro. L’ambiguità del titolo della rivista, sinonimo per traslati del partito comunista, e la notorietà della rivista limitata ad ambienti letterari colti, rischiarono di non far conoscere il «secondo poeta d’Italia», come i contadini, dopo la sua morte, ritenevano che fosse Rocco […]

Continue Reading

Aldo Sacchetti

Aldo Sacchetti è stato un amico; aveva cinque anni più di me; è morto alla veneranda età di 95 anni (io tra un mese ne compirò 92). Prendemmo contemporaneamente servizio presso l’assessorato regionale alla Sanità della Regione Emilia-Romagna, addetti, rispettivamente, lui ai compiti di assessorato per l’igiene pubblica (materia di cui si contestava […]

Continue Reading

GLI ABIGEATARI, UNA POESIA VERAMENTE STUPENDA DI ROCCO SCOTELLARO

Chi non dorme nel mare sonnolento
delle ristoppie unite, sulle spoglie
dei calanchi, gli abigeatari.
Scansàti alle tamerici,
sulla sabbia accolta del fiume,
gettano i mantelli neri,
amano il loro mestiere,
uomini sono gli abigeatari.
spiriti pellegrini della notte,
si cibano all’alba.

Un piccolo verso novenario della poesie, «Scansàti alle tamerici», rinvia a grandi poeti. […]

Continue Reading